Peposo ricetta con lo Chef Luca Borghini

Peposo ricetta con lo Chef Luca Borghini

La fantasia ci porta lontani e ci aiuta in ogni cosa, io nel lavoro la associo alle mie competenze per creare qualcosa che mi soddisfa e che sia unica, che abbia la mia particolare impronta. Ci sono dei campi però in cui mi fermo perchè non ho l’esperienza e la conoscenza necessaria. Il taglio e le varie cotture della carne ad esempio sono sempre state un mio limite, per quanto riguarda il campo culinario! Ecco perchè quando con lo Chef Luca Borghini ci siamo interrogati su che ricetta proporvi, io gli ho chiesto di insegnarmi a preparare una buona e semplice ricetta a base di carne. Lo chef in questo campo è infallibile, non poteva esserci persona migliore al mio fianco che mi guidasse nella realizzazione di questo piatto, che ha giudizio di mio marito (iper critico) è venuto più buono di quello che assaggiò in uno dei più rinomati ristoranti della Maremma Toscana. Il Peposo è stata una ricetta di gran scambio e accrescimento culturale.

Il Peposo ha origine nei primi del ‘400, nel comune fiorentino dell‘Impruneta all’epoca in cui vennero commissionati a Filippo Brunelleschi i lavori per la realizzazione della cupola di Santa Maria del Fiore, Duomo di Firenze. L’artista per assicurare una fornitura continua di mattoni fece costruire delle fornaci nel vicino comune fiorentino dell’Impruneta, i lavori erano davvero complicati ed elaborati, i “fornacini” lavoravano per lunghe ore e a gran ritmo. Il Brunelleschi a tal proposito decise di provvedere al vitto delle maestranze, che doveva essere economico, molto nutriente e sostanzioso. Per questo tra una cottura e l’altra dei mattoni nelle fornaci si decise di porre una grande pentola di coccio, di terracotta, con dentro il muscolo del manzo (taglio economico) tagliato a dadi un po’ grossi e lo zampetto, ricoperto di pepe, spicchi d’aglio, aromi di campagna (come timo, rosmarino) e il vino dei poveri, chiamato Acquarello. Questo piatto veniva poi servito agli operai con abbondante pane.

Ecco la nostra ricetta resa più nobile oggi dalla scelta della carne, muscolo di Chianina e dalla presenza di vino Chianti. Il peposo è un piatto molto magro e saporito, ve lo consigliamo accompagnato da fagioli al fiasco oppure polenta grigliata o del pane toscano tostato.

Qui trovate la gallery di foto

Ingredienti

peposo-3   Ingredienti: Un kg di muscolo di Chianina, 1 litro di Chianti, una manciata di pepe nero, 6 spicchi d'aglio vestito, un mazzetto aromatico (rosmarino, salvia, alloro, timo), 3 cucchiai di passata di pomodoro densa (nella ricetta originale non c'è), 3 cucchiai d'olio, sale.

Preparazione

peposo-16 Tagliate la carne a tocchetti abbastanza grossolani, ponetela in una capiente pentola, meglio se di coccio come tradizione vuole, aggiungete gli spicchi d'aglio, l'olio extravergine d'oliva, gli odori, il pepe avvolto in una sacchetta di garza, il sale e ricoprite il tutto con il vino. Fate cuocere lentamente per circa 4 ore, a metà cottura aggiungete il pomodoro. La carne a fine cottura dovrà risultare molto morbida e avvolta da un gustoso sughetto. Buon Appetito! Qui trovate la gallery di foto

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>